lug 11

La chiesetta di Imagia in uno screen di Wild Rage Queen Moon VX.

Qualche mese dopo, come un Pesce d’Aprile, il 2 Aprile 2010 Lusianl sbuca fuori un’altra volta, con Wild Rage Queen Moon VX. Per VX, ovviamente. Anche questo sembrerebbe essere un add-on, un prequel per la precisione: Wild qui ha 7 anni. Inoltre, qui si dà il nome agli amuleti del lupo che formano la Maschera della Luna, un amuleto in grado di dare il pieno controllo a Wild sullo Spirito del Lupo. La trama tratta appunto della ricerca del bambino delle parti della Maschera, prima che venga posseduto totalmente dal Lupo. Il BS è ancora in tempo reale, mentre qui il punto forte del gameplay è la specializzazione in varie abilità come la caccia, la cucina et cetera. La grafica è invece un edit delle RTP del VX, pur se con i proverbiali charset di Lord Charset.


Non ha una vita felice Queen Moon VX. La gran parte dei post sono ormai prese in giro. Il topic non supera i 15 post, rendendolo il topic più breve di WR. Il progetto, dall’apertura del topic all’ultimo post, ha la scarsa durata di 13 giorni. Non c’è alcuna spiegazione di questa improvvisa interruzione; anzi, addirittura, il penultimo post era un aggiornamento di Lusianl, con l’introduzione del Maestro Tusha, il mentore di Wild che avrà un ruolo importante successivamente.

Scena dell’allenamento di Wild in Wild Rage Queen Moon 2k3.

A postare un remake del Queen Moon VX, il 10 giugno 2010, questa volta è Spanciai. Il topic è su Wild Rage Queen Moon 2k3. Sembrerebbe che Lusianl abbia deciso di fondare un piccolo team, in cui lui è il maggior fautore del progetto, diretto da Spanciai (scelto proprio per evitare che Lusianl cambiasse di nuovo idea), e aiutato da Hash’ak’Gik nel ruolo di Programmatore.
La trama è pressappoco identica a quella del predecessore. Inoltre, la grafica del 2k3 è completamente rinnovata e piegata alla mercè del Lord Charset. Qui le promesse in campo gameplay sono molte, e notevoli… il classico BS in tempo reale, la collezione di oggetti-souvenir e monete ricordo, più molte altre cose.
Naturalmente gli utenti si sfogano, ma dopo un po’ si rilassano, iniziando a commentare normalmente. La programmazione procede con la creazione del menù e del cambio di picture utilizzato per il message box.
Poi, però… nonostante le precauzioni, ovvero l’aver messo Spanciai a capo del team, il progetto fallisce miserevolmente. Il 7 luglio Spanciai posta allarmato una frase molto eloquente: “AIUTO!Lusianl si è pericolosamente isolato e fissa spaventosamente l’icona dell’rpg maker xp !“. Gli utenti seccati rispondono malamente. Lusianl posta, dicendo che se si era isolato era per poter disegnare una migliore veste grafica… tuttavia ciò non toglie il fatto che il topic muoia qualche ora dopo.
Non viene fornita alcuna spiegazione del perché; se Lusianl stava progettando una nuova grafica, è segno che non aveva intenzione di abbandonare il progetto. Ciònonostante, il topic è morto.

E anche Wild Rage, in un certo senso, è defunto. Per molti mesi non si sanno più le sorti del povero Wild. A Novembre 2010 Lusianl sta progettando un nuovo gioco, la cui idea lo insegue fin dall’infanzia, di nome Raghtan. Secondo quanto egli stesso scrive, sembrerebbe che la voglia del Making lo abbia abbandonato per un certo periodo… forse è questa la spiegazione più probabile.
Comunque Lusianl non si concentra per molto tempo su Raghtan; anzi. Il progetto passa a Spanciai, mentre una volta in più egli tira fuori dal cappello un nuovo gioco; inutile chiedere quale.

Uno screen di Wild Rage XP.

Non passa neppure un mese che Lusianl, forse stuzzicato anche dai commenti che accennavano a WR nel topic di Raghtan, apre, il 16 Dicembre 2010, un nuovo topic nella sezione dell’XP su Wild Rage XP. Questo topic rappresenta il culmine della Wildodissea.
Innanzitutto, il titolo. A distanza di un anno finalmente Lusianl riprende la storia principale, e non il solito add-on vaporware. Eppure come vedete questo gioco non fa parte della Serie Origins, segno che forse il Maker ha deciso di ritornare alle origini.
La trama principale cambia molte cose: Angelasasi, per quel che s’è visto, non è stata nominata. La divinità che subentra in Wild Rage XP è il demone Oblaun, che, ridestandosi un giorno, provoca il risveglio del terribile Spirito del Lupo racchiuso in Wild, bambino di 9 anni dotato di forza incredibile. Lo Spirito del Lupo propone una sfida al ragazzino: egli deve trovare gli Amuleti del Lupo e con essi battersi con lo spirito; nel caso perdesse, il Lupo s’impossesserebbe del corpo e della volontà di Wild, nel caso contrario sarebbe Wild ad assimilare lo spirito e a diventare enormemente più forte.
Il Gameplay raccoglie i punti più interessanti dei progetti passati. Oltre all’oramai classico BS su mappa, si recupera da Wild Rage Nemesis (!) le sequenze di tasti da premere rapidamente, e si introduce anche la possibilità di raccogliere rocce, il Cellulare e il Computer di Wild, e naturalmente di saltare in punti specifici e di arrampicarsi
La grafica è ancora una volta da zero; con edit pesanti e unione di altre risorse, e gli immancabili charset Lusianleschi. Inoltre il mapping è notevolmente migliorato. Anche guardando lo screen qui sopra, non si può dire che Lusianl non abbia fatto passi da gigante in questa branca del Making.
È un progetto succoso; ma esso non rappresenta il culmine, inteso solo per le promesse di gameplay e grafica che Wild Rage XP fa; in questo topic prende forma la tempesta più lunga di post di derisione e prese in giro degli utenti. Fin’ora nessun topic era arrivato a più di mezza pagina di post farciti di insulti più o meno evidenti. Oggetto della “discussione” sono come al solito la leggerezza di Lusianl nel Making, il fatto che egli non faccia mai backup dei suoi progetti, e il dileggio del progetto. Si inizia a parlare, effettivamente, del progetto solo dopo molti post.
Ma non solo. Finalmente Wild Rage XP infrange la barriera delle canoniche 4 pagine massimo a cui i topic WR siano mai arrivati; all’ultimo post la discussione tocca trionfalmente le 10 pagine e mezzo di post.
Inoltre possiamo dire che è il Wild Rage a cui Lusianl si è dedicato di più. Il topic dura quasi 2 mesi, certo, meno di Wild Rage Definitivo. Però Wild Rage XP non ha ricevuto interruzioni di sorta durante la vita del topic, com’è successo invece a Wild Rage Definitivo con Wild Rage Flower Heart. Tranne qualche sporadico intervallo di qualche giorno, finalmente Lord Charset aggiorna il progetto con regolarità e senza che nessuno glielo chieda.
A differenza di tutti gli altri progetti, in questo Lusianl sembra molto più determinato nel completare finalmente un WR. Raramente chiede consigli grafico-tecnici, e cambia la grafica globale del gioco per due volte, prima impostando una veste stile 2k3, poi ritornando a quella XP quando gli altri utenti affermano di non essere entusiasti della grafica del tool predecessore. Vengono aggiunte nuove informazioni al mondo di Wild, parlando del Relium, un’energia ecologica e rinnovabile prodotta da delle minuscole bestioline chiamate Reliplum.
Wild Rage XP è, per ora, il WR di cui si hanno più informazioni.
Tuttavia… ancora una volta, sembra non sia questo il progetto che infine diventerà un Wild Rage completo. Il 12 febbraio 2011, Lusianl posta avvertendo di avere dei problemi al PC, per cui al momento il progetto non sarebbe andato avanti. Ma i mesi passano, e non vengono date più informazioni… se sia riusito a risolvere i problemi, non si sa – quel che è certo, è che Wild Rage XP è morto. L’11 Maggio 2011 Lusianl posta come risposta ad un utente che gli aveva chiesto se il progetto fosse fermo “Non dico niente, ma presto giocherai…;) “. La domanda è sorta perché nella firma di Lusianl erano apparsi dei screen di un Wild Rage, ma non di Wild Rage XP perché la grafica era decisamente differente.
Non si conoscono gli impedimenti che ha portato Wild Rage XP a terminare la sua storia. Quel che è certo, però, è che la Wildodissea non si ferma certamente qui.

Wild e Galis, travolti da un enorme cinghiale, in Wild Rage Origins 2k3 II.

Ci avviciniamo al termine della cronologia, per ora. Il 13 Giugno 2011 Lusianl posta, direttamente nella sezione Release del 2k3, il topic su Wild Rage Origins 2k3 II: si tratta infatti di una demo. Come vedete si ritorna alla serie “Origins”, ma la trama è quella di Wild Rage XP.
Lo Spirito del Lupo si sta risvegliando, e propone la sfida a Wild, ritrovare gli Amuleti del Lupo per frenare il suo potere. Nell’intro del gioco, Wild incontra, dopo averlo salvato dalla furia di un enorme cinghiale, Galis, un ragazzino manipolatore dell’aria: dell’aria che “ha dentro di sè”. Potete capire come la sfrutti e la manipoli, beninteso…
In questo progetto il nemico è la TESTAMENT Corp., una società segreta che mira anch’essa a racimolare i preziosi Amuleti del Lupo, ma con fini più malvagi.
A sorpresa, il BS NON è in tempo reale su mappa, ma è quello standard del 2k3, nonostante sia impreziosito delle animazioni disegnate da Lusianl. Il gameplay sforna idee e caratteristiche classiche di Wild Rage, ma rinnovate. Sarà possibile saltare, mediante speciali piattaforme, arrampicarsi, nuotare, rompere rocce… viene introdotto il Computer tramite il quale si possono tenere d’occhio le Quest in corso, un bestiario, dei giochi e la raccolta di collezioni d’oggetti, il Cellulare, e Lusianl ha promesso anche l’implementazione del Telefono, in cui si potranno ascoltare delle conversazioni divertenti con altri personaggi. La grafica ritorna ad essere quella di Wild Rage Queen Moon 2k3.
Forse per via della demo subito rilasciata, qui gli utenti non si abbandonano ai classici post di scherno proverbiali, la demo è ottima e ben fatta, per quel poco che s’è visto. Unica nota stonata, è il BS: gli utenti protestano chiedendo a gran voce un BS in tempo reale, com’è sempre stato da Wild Rage Origins XP in poi; a queste lamentele Lusianl risponde che il BS un tempo NON era così, ma era appunto un BS a turni; inoltre grazie al BS a turni tutti i personaggi possono attaccare e utilizzare le loro tecniche.
Ormai c’è poco da aggiungere. Lusianl prosegue con la programmazione del progetto, aggiornando il topic per un po’. La discussione è silente dal 19 Giugno, ma speriamo che sia perché l’autore sta programmando accanitamente e non ha intenzione di rivelare quel che sta facendo… questo è per ora l’ultimo Wild Rage. Speriamo che sia l’ultimo in tutti i sensi, quindi.

Un altro screen di Wild Rage Origins 2k3 II.

Allora… abbiamo visto la cronologia dei diversi Wild Rage. Ho riassunto le peripezie che negli ultimi 3 anni Wild ha dovuto affrontare, in diversi progetti, senza mai arrivare ad ottenere qualcosa di concreto. Spero che, grazie alla mia cronologia, adesso gli utenti che erano confusi dal vortice di tutti questi WR possano vederci chiaro nella successione di progetti ed eventi…
Ma la domanda che ho posto all’inizio è rimasta incompiuta.
Perché? Qual è la causa di questo continuo passaggio di testimone da un tool all’altro? Non mi riferisco ai problemi tecnici, in fondo tutti noi siamo sottoposti a questo rischio e nel peggiore dei casi dobbiamo riiniziare da capo il progetto. Sì, la sfortuna è una componente importante di questa vicenda, ma ancor più importante è il comportamento mantenuto da Lusianl stesso: nel più dei casi, vedete, è lui stesso a voler cambiare tutto.
Ora, io non sono uno psicologo, ve lo dico. Posso solo desumere e porre delle ipotesi, nulla di più… ma vi fornirò comunque le mie conclusioni.
Ma prima dovete sapere una cosa: tempo fa, Lusianl scrisse da qualche parte che Wild Rage salvò la sua carriera di Maker. Era infatti un brutto periodo per lui; non riusciva più a riconoscere il gusto del Making, era stato inquinato dai giudizi altrui, e cercava semplicemente di fare cose che “piacessero” agli altri. In quel periodo stava pensando seriamente di abbandonare questo hobby.
Fu Spanciai a trovarlo, e ad incoraggiarlo. Gli disse di fregarsene degli altri, e di ritornare a Makerare puramente per la passione di farlo. Queste parole scaldarono Lusianl, che da quel momento in poi iniziò a lavorare a Wild Rage.
Ora, trovo questo punto in particolare molto importante. Lusianl non si cura di creare giochi solo per notorietà, e questo lo ha ripetuto molte volte, anche nei topic di WR. Quando ha ricevuto delle critiche non sì è mai perso d’animo e indefessamente ha lavorato e ha prodotto. E come, se ha prodotto…!
Lusianl è un Maker “alla vecchia maniera”: un tempo, prima del 2005, i giochi raramente erano completati e venivano rilasciate unicamente delle “demo” dei giochi. Questo è un punto saliente dell’Epoca d’Oro, molte di quelle che sono considerate oggi perle del Making sono delle demo. Se Lusianl distribuisce solo delle demo, è perché lui l’ha sempre fatto, così come Spanciai, suo amico: è un lato della sua indole.
E Wild Rage… Wild Rage è il suo divertimento.
Il Making serve a divertire chi progetta i giochi, e chi li gioca. Ma sembra che sia apprezzato lo sbilanciamento a favore di chi li gioca, sacrificando il divertimento del Maker per quello dei giocatori. Un simile comportamento è sbagliato, e posso portare delle prove a favore. Già la dichiarazione di Lusianl lo afferma: anch’egli un tempo Makerava solo per il divertimento altrui, e questo l’ha quasi portato ad abbandonare tutto. Illustri community del passato sono scomparse perché nella fase finale della loro vita c’era una prevalenza di utenti che chiedeva solo di giocare e che non progettava nulla da sè. Effettivamente, questo comportamento sembra del tutto legittimo: del resto, il gioco è fatto per chi lo gioca. Ma il Making è un hobby, e come tale è un passatempo del tutto amatoriale, per cui non è lecito chiedere che il tempo altrui sia consumato unicamente per il divertimento personale. Così non va.
Cos’ha fatto Lusianl? Ha solo confermato il primo comportamento, con uno sbilanciamento a proprio favore. Non si può dire che non badi al divertimento altrui, però, ha già postato numerose demo di ottima qualità e che intrattengono. Gli utenti che han giocato ad esse possono metterci la mano sul fuoco: Wild Rage è del tutto godibile.
Lusianl progetta puramente per sè. Certo, l’usufruitore del progetto finale è il giocatore, ma perché negargli il divertimento del Making?
Vuole il meglio per Wild Rage. Cambia tool tranquillamente, oggi potrebbe programmare con il VX ma domani cestinare tutto e ripartire con il 2k3! Progetta delle add-ons per estendere l’esperienza del Making, anche se in tal modo deve necessariamente lasciar perdere un progetto. Accetta le critiche, ma solo se sono sufficientemente fondate, cosa che ogni tanto gli produce qualche severa critica.
Certo, è pur vero che i giochi bisognerebbe completarli. Ma lui è fatto alla vecchia maniera, e pubblica demo, e molte anche! Qualche anno fa solamente i più prolifici riuscivano a pubblicarne così tante…
È l’utenza a lamentarsi. Nonostante egli sappia benissimo di aver ormai iniziato e non finito molti progetti diversi, non è lui il primo a lamentarsi, ma gli utenti che nei primi post lo tartassano…
Lusianl makera divertendosi; questo è innegabile, e neppure si potrebbe pretendere il contrario. Egli è completamente sotto il dominio della sua fantasia.
Del resto, deve pure completare un Wild Rage prima o poi; ci riuscirà meglio, quando veramente sarà in pace con sè stesso. Il consiglio che dò agli utenti è quello di seguirlo! E a Lusianl, suggerisco di ragionare freddamente e non di lasciarsi abbandonare nel mare infinito della fantasia…
Wild Rage esiste; ed esisterà in futuro. Speriamo solo che adesso, poiché Lord Charset ha detto di voler abbandonare sogni di grafica e programmazione infiniti, ci sia appunto questa volontà a completare un’avventura di Wild.
Altrimenti potremmo dire sul serio a Spanciai di minacciarlo di venire schiacciato sotto il suo “dolce peso”!

Si ringraziano Hash’ak’Gik per il materiale fornito e Lusianl per aver dato il permesso di scrivere quest’articolo!

Articolo by AsprusT26