lug 7

Un altro famoso screen: Wild che corre, mentre il… ehm… retro gli va a fuoco. Da Wild Rage Origins XP.

Passa molto tempo prima che Lusianl posti ancora qualcosa su Wild Rage. Finalmente, dopo mesi di silenzio, il destino di Wild si svela nuovamente: il 21 Gennaio 2009, Lord Charset rompe finalmente il silenzio stampa e apre il topic di Wild Rage Origins. Data la confusione che può produrre questo nome, lo chiameremo Wild Rage Origins XP e che sia morta là.
La serie Origins dei Wild Rage è molto interessante. Primo, essa è, finalmente, la storia principale: non più add-ons. Secondo, essa è degna di nota per la qualità generale di ogni suo singolo progetto; molto elevata, grafica rinnovata e da zero, gameplay stravolto.


Terzo, c’è un “Wild Rage Origins” praticamente per ogni tool, se non di più.
Ma andiamo con ordine. Come ho detto, finalmente Lusianl si è deciso a proseguire con la storia principale di Wild Rage: la trama è quella storica. La Dea Angelasasi si è risvegliata, con la mezza idea di seminare morte e stragi in ogni dove. Wild, Viku, e Shyla, il party di Wild Rage VX, si deve mettere in marcia per frenare la collera della divinità.
Si assiste a un “ritorno di fiamma”: il giocatore è tenuto a svolgere le stesse missioni di Wild Rage VX, ad assistere alle stesse identiche scene; il viaggio nella Piana di Mug, la ricerca dei prismi e l’attraversamento delle Tap Mountains.
Insomma, la sana vecchia trama. La grafica è notevolmente migliorata e riadattata, e il gameplay va a fissarsi su quello che rimarrà definitivo per molti progetti a venire: finalmente il BS è su mappa e i nemici si attaccano direttamente in tempo reale.
Lusianl lo ammette, dice che “ha trattato male il suo Wild Rage” e che, per farsi perdonare, ha deciso di creare Wild Rage Origins. E ci riesce: non solo gli utenti non gli rinfacciano nulla, ma, anzi, sono entusiasti dalla nuovissima grafica. Lusianl fa tutto a puntino: riprogramma esattamente le scenette di Wild Rage VX, talvolta aggiungendone di nuove; introduce nuovi PG che saranno importanti nei progetti a venire, ad esempio E’ugen; abbassa l’età di Wild da 17 a 15, e rende più “adatto” il suo face.
Pubblica una demo dell’introduzione al risveglio di Angelasasi, rendendo concordi i commentatori; insomma, sembra finalmente che Wild Rage sia ritornato ai fasti, e in effetti il topic dura la bellezza di due mesi…
Prima dell’intervento di Madama Sfiga.
“Bug di programmazione!”
Zac… il progetto passa al VX.
Gli utenti, sorpresi, non possono fare altro che seguire il loro Maker…

Che vi dicevo sopra? Screen tratto da Wild Rage Origins VX.

Ancora una volta un Wild Rage fa la sua apparizione nella sezione dei progetti del VX. È il 23 Marzo 2009 il giorno di nascita del topic di Wild Rage Origins VX. Tengasi a mente che “VX” nel titolo l’ho aggiunto io, per differenziarlo appunto dal resto degli Origins.
È sostanzialmente lo stesso, identico progetto che correva su XP. Solita trama, il BS rimane quello in tempo reale fatto su XP; la grafica, da instancabile Lord Charset qual è, ancora una volta è nuova di zecca.
Il topic però… segna l’inizio del declino. Qui rispuntano le critiche alla grafica. Il vermone della scena della Piana di Mug, ad esempio, non piace all’utenza per via della sua evidente lavorazione in Photoshop. Il comportamento allora preso dal Maker, ossia “non curarsene” o almeno questo sembra voler fare, sono oggetto di numerose discussioni: il succo del discorso è la noncuranza che, apparentemente, Lusianl ha nelle sue opere. Egli cerca di difendersi come può, asserendo che è questo il suo stile di Making, e che, guardando a ciò che ha fatto, vede come in qualche modo sia “indietro” rispetto ad un programma e cerca di velocizzarsi. Ciò non frena la discussione; è lui a interrompere brutalmente ogni discorso, offrendo nuovi screen del gioco.
Il lavoro prosegue, non tuttavia senza qualche problema e qualche errorino grafico. Si giunge alla scena in cui Spanciai danza assieme al suo corpo da ballo.
Una feroce critica negativa giunge allora sulla testa del Maker. Oggetto è ancora la sua presunta noncuranza dei consigli del pubblico. La lite nasce da un apparente errore in uno dei suoi screen, anche se, come era con Wild Rage VX, non sono importanti i singoli frame in sè, ma le animazioni che creano in globale.
È un progetto segnato dalle critiche Wild Rage Origins VX, quindi; forse anche per questo Lusianl decide di abbandonare il VX e di trasferirsi sul vecchio 2k3. Non, però, con questo, mettendo fine alle critiche.

Una schermata dell’intro di Wild Rage Origins 2k3.

Il giorno dopo la chiusura del progetto su VX, il 18 Aprile 2009, anche il forum del 2k3 è toccato dalla comparsa di Wild Rage Origins 2k3. E con la nascita dei progetti WR su 2k3, nascono anche i primi post sarcastici. Qui sono ancora pochi, molto pochi; e sono, tutt’al più, scritti scherzosamente. “Deciditi una buona volta!!“… eh, magari.
Come tutti i progetti Origins, anche questo segue la trama principale. La grafica 2k3 di Wild Rage, permettetemi un’opinione, è straordinaria. L’instancabile Maker la ridisegna ancora una volta da zero, lasciando inalterato il BS che è ancora una volta in tempo reale. Inoltre, Lusianl progetta, tramite la patch che concede l’utilizzo di tutti i pulsanti della tastiera, di rendere ancora più immersivo il gioco con diverse azioni a seconda della situazione: se Wild ha di fronte un piatto di cibo, premendo X lo mangerà, eccetera…
Il progetto prosegue fino alla Piana di Mug, con la programmazione del bestiario di Wild Rage.
E lì si trova un vuoto pneumatico.
Fine del progetto.

L’esterno del Tempio di Imagia in Wild Rage Definitivo.

In realtà, come Lusianl stesso ammette quando, il 25 Giugno 2009, apre l’ennesimo topic nella sezione Progetti XP, l’interruzione di Wild Rage Origins 2k3 è stata forzata: un gruppetto di Maker i cui nomi sono ben conosciuti (Spanciai, Losco Individuo, Theoras) ha, diciamo, “complottato” per costringere Lusianl a ritornare su XP. Il gioco è Wild Rage Origins XP II; ma, dal nome del topic cui risiedono gli scritti, ho deciso che lo chiameremo Wild Rage Definitivo. Non perché effettivamente lo sia, ma perché è in questo che Lusianl promette a sè e agli altri che non cambierà mai più tool… come però non avvenne.
Lasciamo perdere la trama e il BS, come ormai sapete gli Origins sono sempre identici, narrativamente parlando. E anche la grafica: creata da zero o pesantemente editata…
Gli utenti iniziano ad essere scettici. Checchè il topic abbia il “rassicurante” appellativo di “Definitivo”, ormai i fan non ci credono più di tanto e iniziano a fare battute e post di cui tutto si parla fuorché del progetto. “Comunque ‘sta volta toccava a RPGMaker ’95 :/“, “Il povero Wild è finito ormai in 8 stagni diversi! XD“, “tanto tra un pò verrà fuori con un topic con scritto “Wild Rage sul serio” con rpgmaker vx“… c’è di buono che ‘sta volta non è colpa direttamente di Lusianl, ma dal gruppetto sopracitato, che in breve tempo riceve anatemi e minacce da ogni utente.
Comunque, Wild Rage Definitivo, per un po’, sembra aver calmato l’animo fiammeggiante del grafico. È in questo periodo che Lusianl apre addirittura un blog su Wild Rage. Il topic supera la fatidica durata del mese, il tempo massimo che qualunque altro topic Wild Rage avesse mai avuto. Inoltre, cosa ancor più importante, Lusianl fu “tentato” di abbandonare anche questo progetto e concentrarsi sull’ennesimo add-on di Wild Rage.

Uno screen tratto da Wild Rage Flower Heart.

Il 18 Luglio 2009, infatti, Lusianl apre la discussione su Wild Rage Flower Heart, un piccolo add-on della epopea di Wild. In questo gioco è il malvagio Lefos a incarnare il male: nell’isoletta di Webba il maligno sta trasformando la flora locale in soldati pronti a formare il suo esercito con il quale distruggere chi non rispetta la natura. Un fiore convertito, però, sfugge al controllo del creatore e, dopo un lungo viaggio, ella, che di nome fa Flea, riesce ad avvertire Wild che parte con la compagna vegetale alla volta dell’isolotto. Esiste una demo; il cui link, però, è scaduto e inutilizzabile. Il BS è a combo, e in tempo reale.
Nonostante la presenza di alcuni commenti caustici, questa volta l’utenza si sbaglia. Lusianl non si è dimenticato di Wild Rage Definitivo, e afferma che Flower Heart sia semplicemente un gioco fatto per sgranchire le sue abilità con il VX. E nonostante abbia ripetuto questo anche quando stava programmando Wild Rage Nemesis, come ricorderete, questa volta mantiene la promessa.
Il topic di Wild Rage Flower Heart, infatti, scade il 19 agosto con una pagina scarsa di post. Ma Lusianl è ritornato a Wild Rage Definitivo.

Uno screen dall’intro di Wild Rage Definitivo.

Un altra occasione per chiamare “Definitivo” Wild Rage Origins XP II, quindi, appare quando finalmente, dopo una pausa durata dieci giorni circa, con dei nuovi screen dall’intro rinnovato del gioco, in cui si racconta finalmente la storia dell’infanzia di Wild. Lusianl scrive, sibillino, che il gioco “da origin passa a young Wild..” [sic], ma cosa voglia dire ciò, è rimasto ignoto nonostante le domande di alcuni utenti.
Un’altra lunga pausa di un mese segna il topic, il quale sembra esser destinato ad una morte come tutti gli altri topic. Invece, Lusianl resiste ancora e fa il suo post d’aggiornamento, scrivendo all’inizio di esso, trionfalmente, “Proviamo a rimakerare“!
Wild Rage Definitivo è il topic Wild Rage più longevo fino allora. Sembra veramente che questo, finalmente, sia il Wild Rage “Definitivo”, cosa che probabilmente avrà soddisfatto più Lusianl che i fan. Ormai il gioco è certo…
Ma, si sa, non dire gatto finché non ce l’hai nel sacco. Quel giorno il Dio Arshes del Making era giù di tono, e per passare il tempo ha inviato a Lusianl la peggiore delle piaghe che possa devastare un Maker.
Perdita dei dati. Il PC si è rotto!
Assieme a tutto quel che c’era dentro, naturalmente.
Il 20 Novembre è un Lusianl funereo quel che annuncia la triste notizia al suo seguito.
Il quale si infiamma e lo incolpa di non aver fatto neppure una copia di backup del progetto.
Ma è inutile piangere sul latte versato; Wild Rage Definitivo ormai è solo un topic, colpito a morte dalla sfortuna, che dopo qualche post spasmodico si spegne nel silenzio e inizia la sua lenta discesa nella Valle dei Topic, in cui un post è un Necropost, specie se di un progetto che non è più.

Un abbozzo di screen di Wild Rage Legend Spirit.

Lusianl ritorna sulla ribalta, come un attore dimenticato ormai, il 2 Dicembre con il suo nuovissimo Wild Rage Legend Spirit, per 2k3. Sì, non è un Origins. Posso presupporre che il fallimento di ogni progetto Origins abbia pericolosamente spinto Lord Charset nel territorio degli add-ons, territorio dal quale non si distoglierà per un anno.
Comunque, questa volta è davvero dura ricominciare. La perdita di ogni dato, programma, e progetto che avesse nel PC è un brutto colpo, ché ora Lusianl deve rimboccarsi le maniche e riprodurre tutto – TUTTO – da capo. E la consistente perdita di credibilità si fa sentire, quando i primi post sono solo prese in giro.
Infelice Legend Spirit! Lusianl non porta screen mirabili, come ha sempre fatto nei suoi primi post. È addirittura costretto a chiedere aiuto nella programmazione di un BS ad eventi e di un menù. Sembra sul serio un topic postato da qualche niubbo.
Solo la storia concede qualche consolazione. Wild Rage Legend Spirit amplifica enormemente il background storico di fondo all’universo di Wild Rage. Punti oscuri dei precedenti progetti vengono svelati; i fondamenti della dottrina dell’equilibrio del mondo, l’Angelismo, qui fanno la loro prima comparsa. Il gioco in sè si tratta di un prequel della storia originale, in cui Wild è ancora un bambino alle prese con le sue primissime missioni. Si svela cos’è il fantomatico “Spirito del Lupo”, e si scopre che esso non è altro che uno di otto potentissime entità, il cui compito è quello di difendere la giustizia e di combattere il male. Luloma però tradisce le altre, corrotto dal potere oscuro maligno, con lo scopo di conquistare più potere per sè. Gli altri sei spiriti (il settimo, quello dello Scorpione, è stato catturato da Luloma) imprigionano il ribelle in un sigillo, che impedirà la sua fuga per 10 000 anni. I secoli passano, e Luloma si incarna in Wild…
Oltre a introdurre queste nozioni di teologia del mondo di Vria, Lusianl svolge una pesante opera di remake dei luoghi. La chiesetta di Imagia, ad esempio, diventa un importante ed enorme monastero religioso e Hil Town diventa Hilania, una contea. Questa opera di remake incide profondamente nei progetti successivi… ad esempio, non esiste più la scena in cui Wild vola nello stagno, calciato da Shyla, nè altre scene del genere, più o meno famose.
C’è tanta, tanta carne al fuoco; ma la fiamma è bassa. Così tanto materiale fatica a prendere forma, ora che Lusianl è costretto a far tutto da zero. Le prime due pagine, esauriti i post di scherno, parlano unicamente della formazione, lenta ma inarrestabile, del monastero di Hilania. La grafica è completamente, definitivamente, da zero. Finalmente, il 15 dicembre la programmazione della storia vera e propria ha inizio. Si vedono gli screen dell’intro, disegnati a mano, secondo la nuova storia.
Purtroppo Dio Arshes non ha ancora terminato la sua collera, e prova del fatto è che l’8 gennaio, Lusianl posta chiedendo lumi sullo strano comportamento preso dal 2k3 non appena prova a doppio-cliccare la sua icona. Il tool non parte, e sembra che provochi dei problemi grafici al PC. Problemi che, nonostante i subitanei consigli degli utenti, non accennano a diminuire e che costringono Lusianl a interrompere il progetto… con la disperazione del resto dell’utenza, ovviamente.
Il topic termina la sua vita il 10 Gennaio.

Continua…