set 1

Questo articolo è un po’ particolare. Alcuni giorni fa uno dei nostri utenti, Shuucha, ha aperto un interessante topic, dal titolo: “Demo, Episodi e Giochi Completi, un problema che i miei neuroni non sanno risolvere… ^^”.
In questo topic sono uscite, tra le varie risposte, una serie di piccole perle di saggezza, che ho pensato di riunire in una specie di “blob” di rpg2s. Sono frasi tratte dai vari post del suddetto topic, alcune le ho ignorate, altre le ho prese per intero.
Ecco qua quello che è venuto fuori: buona lettura. Spero che ne possiate ricavare qualcosa.

Volevo portare alla vostra attenzione una questione che mi attanaglia fin dalle mie prime settimane di making, ma a cui ancora non sono riuscito a trovare risposta. Ovvero:
“Meglio rilasciare un gioco a episodi/capitoli? Oppure è meglio dedicarsi ad un gioco completo, e rilasciare man mano alcune demo?”
-Shuuchan-

“L’episodico è una struttura strana.
se fai tanti giochi “corti” e possibilmente indipendenti fra loro, hai poco margine per raccontare una storia di più ampio respiro.
Se invece vuoi raccontare una storia più lunga e la dividi in giochi episodici non differisce da un gioco più grande diviso in capitoli con una demo ogni tanto che li comprende tutti.”

-Testament-

“Mi piace considerarmi un pò, il promotore di questa tendenza ad episodi, non voglio fare il superbo, intendo che qui nessuno aveva ancora postato o pensato di fare giochi ad episodi ^^ (se sbaglio correggetemi)
Non me la sento nemmeno di sconsigliare il metodo ad episodi, dipende quanti siete e quanto tempo avete per makerare.”

-Eikichi-

“Io parto sempre dal concetto “gioco completo”, ma quando arrivo poi magari a metà gioco, ecco che mi viene in mente un altro progetto..Allora a mente mia faccio:”li faccio tutti e due”!Ma poi ecco che viene in mente un altro progetto, e un altro ancora…Per questo ti dico..Arriva dove arrivi, cioè se fai un progetto e magari hai fatto due avventure, e hai un altra idea, posta quello che hai fatto, cosi intanto fai vedere agli altri ciò che hai fatto, e poi magari ci ritorni…”
-Lusianl-

“Possibile che il nostro più grande nemico sia “mi è venuta un’idea più figa, fanculo al progetto precedente!” perchè non ci prendiamo in giro, nella quasi totalità dei casi il precedente progetto non godrà più dell’attenzione del suo creatore e finirà abbandonato insieme agli altri interrotti in suo favore.
Uno deve scegliere un progetto, possibilmente alla sua portata, e cercare di finire un prodotto valido, non girarsi dove soffia il vento.”

-Testament-

“Dai post mi sembra d’aver capito che spesso vale l’equazione “gioco completo = maggior impegno profuso”. Che poi l’impegno sia reale (per chi davvero il progetto lo porta avanti con passione, magari anche senza riuscire a finirlo) o solo presunto, resta tutto da chiarire.”
-Shuuchan-

“E ho detto che SAREBBE meglio trovare UN progetto e fare quello senza cambiare idea ogni 3 mesi, ma pure io non scaglio la pietra perchè ho i miei scheletri nell’armadio (meglio delle grucce).
In fin dei conti ognuno parla per propria esperienza vissuta e non esiste un modo giusto di seguire una passione.”

-Testament-

“Poi (almeno per quanto mi riguarda) il progetto che avevo cominciato a sviluppare (fortunatamente da poco tempo ^^) l’ho abbandonato perché non mi sentivo all’altezza, e sentivo fortemente il bisogno di migliorare (soprattutto dopo aver giocato ai progetti del Game Contest).”
-Shuuchan-

“E la cosa che più riempie di orgoglio, secondo me, è l’aver fatto un gioco completo, che riscuote molto più il successo dal “pubblico” (non dai giudici) rispetto ad una demo: se un regista fa un film che non vince nessun oscar ma il pubblico apprezza (e lui incassa parecchio) non è meglio di un regista che vince un sacco di oscar ma nelle sale fa un flop?”
-Raldon-


“Però queste riflessioni mi stanno spingendo sempre più verso il prgetto “completo”. Anche perché mi sembra d’aver capito che finire un gioco “intero” è soprattutto una dimostrazione di passione per il proprio lavoro, dimostrazione rivolta agli utenti e agli altri makeratori. “

-Shuuchan-

“Io sono dell’idea che se hai una passione, anche se per un po’ la lasci perdere, ritornerà prima o poi.
Ricordati che makerare è un Hobby, non un Obbligo.
Il mio consiglio è: prima fai un piccolo gioco completo, fai uno scheletro, poi la carne la aggiungi dopo. Ma in questo modo poco importa quanta carne aggiungi, avrai sempre la soddisfazione di aver creato un Gioco Completo.”

-Raldon-

“Davvero belle parole quelle di raldon, questo è quello che fa bene al making italiano ^^”
-=DahiL=-