R²S Magazine » Blog Archive » Intervista a Seto86
apr 3

Ancora un articolo di intervista, e ancora ad un grande esponente del making italiano: Seto86!
Gli abbiamo posto domande generiche riguardo al making e più specifiche riguardo i suoi progetti, leggete con attenzione!

<Blashyrkh>: Per cominciare, vuoi dirci qualcosa di te? Non mi dire che il tuo nick richiama Seto Kaiba! XD

<Seto86>: Ahahah! No il nick è un marchio che mi porto da un sacco di tempo. Lo scelsi per la mia passione per Masakazu Katsura. E’ uno dei suoi personaggi. Mi chiamo Gabriele Cracolici, ho 27 anni e sto per laurearmi presso l’Accademia di Belle arti della mia città (Palermo). Studio e lavoro come grafico e spero proprio di farne un mestiere.

<Blashyrkh>: Quindi ti sei approcciato in primis al mondo del disegno ed in generale dell’arte.

<Seto86>: Sì, la passione è nata da bambino proprio leggendo manga.

<Blashyrkh>: Raccontaci qualcosa di come hai conosciuto rpgmaker, un po’ della tua personale storia agli inizi.

<Seto86>: Non penso che la mia storia sia differente da quella di tanti altri. La passione per gli Rpg è sempre stata fortissima e avendo a disposizione la prima connessione Internet, la parola più cercata fu proprio quella. Il fatto di aver trovato questo magnifico Tool è stata frutto del caso. Incominciai a frequentare i primi forum…penso fosse il 2000 o il 2001, non ricordo. Ma la maggiore occupazione era spiare gli altri e cercare di imparare i trucchi del mestiere. Eh sì, ho cominciato come il classico guardone! ^ ^. Nel frattempo facevo esperimenti, mappavo, disegnavo…ricordo ancora l’emozione per il mio primo “teletrasporto” su mappa.

<Blashyrkh>: Tanti ricordi riaffiorano alla mente anche a me. Il tuo primo vero progetto, è stato Alexhar?

<Seto86>: Umh…sì e no. Sicuramente Alexhar è il progetto con cui mi sono fatto conoscere (specie su Rpg2s), ma in realtà il primo vero progetto è stato “Battle Realms“. Postai anche una demo ma dubito che sia recuperabile. (lo spero!)

<Blashyrkh>: Per chi non lo ricorda, vuoi riassumerlo un po’ ?

<Seto86>: Sono costretto vero? XD

<Blashyrkh>: Yep XD

<Seto86>: A quel tempo FF8 era la nuova bibbia e devo dire che mi influenzò non poco. I protagonisti principali erano Ashley e Ark, due studenti della torre miraggio, una sorta di scuola di magia che preparava giovani mercenari al combattimento. La scuola si manteneva svolgendo missioni per gli altri paesi utilizzando proprio gli studenti dell’accademia…praticamente tale e quale al Garden di Balamb di ff8. Storia di amicizia, intrighi politici e l’immancabile storia d’amore…insomma il classico primo progetto pieno d’entusiasmo che poi scoppia come una bolla di sapone! ^ ^

<Blashyrkh>: Ahahah, posso capire. E’ passato molto tempo da questo esordio ad Alexhar? Hai osservato un largo miglioramento nelle tue abilità?

<Seto86>: Fortunatamente il miglioramento c’è stato, soprattutto dal lato tecnico e della programmazione. I primi esperimenti custom di Val e altri pionieri, mi stimolavano a creare qualcosa di sempre più personale. Alexhar nacque proprio da questo desiderio.

<Blashyrkh>: Parlaci un po’ di Alexhar, soprattutto dal tuo punto di vista emotivo, qual’è il messaggio che hai voluto trasmettere?

<Seto86>: La personalizzazione grafica è sempre stata un mio pallino (Alexhar e Crystalis ne sono una testimonianza). Alexhar subì drastici cambiamenti prima di arrivare all’ultimo stadio che Rpg2s ha conosciuto. L’ idea che stava dietro Alexhar rappresentava il mio obiettivo da maker: riuscire a ricreare un capitolo di Suikoden ma con un mio stile. Cercai di fare le cose in grande: menù custom, bs custom (poi divenuto standard) e la possibilità di arruolare un gran numero di personaggi. Ancora oggi è un sogno che voglio realizzare. L’ idea era quella di creare un rpg dalle atmosfere fantasy, senza però ricorrere ai soliti super cattivi che vogliono distruggere tutto. Solo dei comuni esseri umani che combattono per la supremazia e per il potere. Da questo punto di vista, Crystalis è l’erede naturale di Alexhar…anche se è nato quasi per caso (in origine era un progetto per lo Short games contest).

<Blashyrkh>: Lo short game contest ha dato i natali a molti grandi progetti, che poi sono stati anche rielaborati in una versione “estesa”. Oggi il progetto sul quale riponi più attenzioni è Crystalis, il caso ha poi sfornato una trama solida dall’inizio?

<Seto86>: Sì, la trama mi era già chiara anche se l’idea era quella di presentare la storia tramite flashback. La durata del contest non permetteva uno sviluppo normale della mia storia (questo fu uno dei motivi per cui ritirai il progetto) e mentre procedevo, mi resi conto che il progetto aveva delle potenzialità e che sarebbe stato un peccato sacrificare alcuni aspetti del gioco, così decisi di abbandonare il contest e di provare a sviluppare ciò che avevo in mente. Mi resi anche conto che Crystalis aveva delle caratteristiche (a livello di trama e personaggi) più definite rispetto ad Alexhar e questo mi spinse ad abbandonare quest’ultimo.

<Blashyrkh>: Si è potuto ben constatare come il personaggio chiave di Crystalis nonchè una dei protagonisti è Odessa. Hai immesso qualcosa di autobiografico nella caratterizzazione dei personaggi e nell’intera vicenda?

<Seto86>: Galein e Odessa rappresentano due aspetti che mi rappresentano. Galein rappresenta la voglia di libertà e l’impulsività, mentre Odessa rappresenta il senso del dovere e lo spirito di sacrificio…sono entrambi aspetti del mio carattere. La storia tende ad analizzare gli aspetti di questi due personaggi e la loro evoluzione.

<Blashyrkh>: Per concludere riguardo i tuoi progetti, vorresti dire qualcosa ai tuoi giocatori in merito?

<Seto86>: Spero di riuscire a creare un gioco godibile ed appassionante… anche per ripagare gli utenti che per molto tempo hanno supportato Alexhar. ^ ^

<Blashyrkh>: Bene. Ora passiamo all’argomento making in generale. Cosa ne pensi dell’attuale panorama italiano? Ritieni alcuni progetti particolarmente validi?

<Seto86>: Il panorama del 2k/2k3 è decisamente interessante. I progetti validi sono tanti e vari : Element of Chaos, PQ, Ad Quietem Postremam, Shinquest, Theia e l’ultimo nato, Heteria ne sono una testimonianza. Devo ammettere che in campo XP/VX non sono molto preparato ma il progetto di Holy87 (Overdrive: la leggenda dell’ultima Arcimaga), Bluto di spriggan e Pokémon Garnet di Mercury sono quelli che seguo di più. Penso che il panorama italiano possa vantare dei bravissimi maker e soprattutto il più prolifico di tutto il mondo: Lollo Rocket Diver! XD

<Blashyrkh>: Se ti dovessi chiedere “cos’è per te il making” (come infatti ti sto chiedendo! XD) e qual’è il tuo stile di lavoro, cosa potresti dire anche per dare un consiglio ai neofiti?

<Seto86>: Umh…cos’è il making? Romanticamente direi passione (cosa che certamente è), ma penso sia più un mezzo d’espressione come tanti altri. Ad alcuni può sembrare una perdita di tempo, per altri è la vita e per altri ancora è solo un passatempo come altri.  C’è chi colleziona francobolli e chi crea giochi per essere felice. Personalmente, sono contento di appartenere al secondo gruppo! XD. Il mio stile di lavoro parte dall’osservazione. Ho una cartella storica con screen presi da ogni dove : progetti italiani, progetti stranieri (vecchi e nuovi) e quando voglio realizzare qualcosa, guardo cosa hanno fatto gli altri prima di me. E’ importante avere un buon bagaglio visivo (soprattutto per poter mappare bene) e avere davanti degli esempi ti aiuta a capire se e dove stai sbagliando…..oppure basta contattare il coniglietto rosso che ti trova tutti gli errori possibili e immaginabili!

<Blashyrkh>: Lol. Personalmente mi ritrovo anche io nel tuo metodo. Bene, siamo giunti quasi alla fine, hai delle rivelazioni in anteprima da segnalare riguardo Crystalis? Screen da mostrare, etc.

<Seto86>: Attualmente sto un po’ rivedendo la rosa dei personaggi e sto pensando di ampliare il gruppo ma non assicuro nulla! XD. Per il momento ne sono previsti otto (uno l’avete già visto in uno screen…vediamo se capite chi è ^ ^), ma non è escluso che potrebbero diventare 12, ovviamente compresi i quattro che avete visto nella demo. Di più non vi dirò!

<Blashyrkh>: E più non dimandiamo XD Il tuo personale saluto ai lettori!

<Seto86>: La mia ragazza suggerisce: “Viva i coniglietti!” (sospetto che sia stata influenzata da qualcuno di nostra conoscenza…)

<Blashyrkh>: Ahahah quindi anche la tua lei ha seguito l’intervista? XD

<Seto86>: Più che altro mi chiedeva quanto sarebbe durata! XD

<Blashyrkh>: Ma lol, bene è per la gioia della ragazza di Seto decretiamo l’intervista conclusa, salutazioni!

Ringraziamo Seto per il tempo, prossimamente articolo sul tema “ritorno al making dopo tanto tempo” più intervista ad Amber Rei!