set 23

Giro e rigiro ormai tra i forum stranieri per stringere alleanze e fare contratti ormai da tempo.
Questo mi sta permettendo di osservare, passando da forum strapopolati e altri quasi del tutto vuoti, davvero molto il making straniero e , logicamente, fare confronti.
Non mi soffermo quasi mai sull’area Progetti ma quasi esclusivamente su quella di Giochi Completi o Demo.

In francia la dedizione a Rpg Maker è forse la più alta. Molti buoni lavori, molti utenti bravi e molta attività nei diversi forum. Quest’ultimi sono organizzati tutti molto bene, si spalleggiano l’un l’altro e sono molto preparati. Soprattutto dalla francia infatti arrivano moltissime visite sul nostro sito. I forum e gli admin mi hanno contattato più volte personalmente interessanti al nostro progetto di legare un pò il making amatoriale mondiale tramite una “vetrina”.
Rimasi però molto sorpreso che due dei tre vincitori dell’alex d’or (il contest annuale di rpg maker nazionale) non fossero rpg.
Certo c’è da dire che l’rpg vincitore al secondo posto, ZEESHAN, ha un mapping davvero davvero elevato. Utilizzando le rtp è riuscito a fare un lavoro sublime. Scelta dei colori eccellenti, paesaggi molto belli, sia le città (con una splendida architettura delle case) sia le foreste. Un ottimissimo lavoro. Purtroppo sulla trama non posso esprimermi non conoscendo il francese. (tralascio di parlare di ASYLOPOLE eWANDERING SOULS, gli altri due vincitori ( rispettivamente al primo e terzo posto) in quanto non-rpg).

La spagna è molto molto meno attiva (logicamente per “spagna” intendo forum spagnoli). Pochi forum, molti dei quali spesso abbandonati.
Ci sono pochi progetti ma spesso carini. Meno varietà di genere della francia senza dubbio. Utilizzati quasi sempre le vecchie versioni di Rpg Maker, cosa che ho trovato molto curiosa.  Sul podio ci sono stati tutti rpg. Il primo (LA LEYENDA HEROEN ), secondo (DRAGON SLAYER GAIDEN) e terzo posto (SIXDOLLS) possono quasi dirsi allo stesso livello, decisamente buono. I giochi hanno mappe semplici ma lineari (Dragon Slayer forse un pò superiore a livello di mappe) e prive di errori. In giusto numero di enigmi, animazioni dei personaggi pixellate da loro. (curiosità : gli autori dei primi due posti stanno già lavorando a dei sequel).

0.jpg

Continua a leggere »

Segui e partecipa alla discussione!

lug 22

Recensione a cura di ColossAlex_10

Overdrive

Overdrive: La Leggenda dell’Ultima Arcimaga è l’ultimo dei tre capitoli finora rilasciati del gioco di Holy87, action RPG uscito il 31 Ottobre del 2011 e creato con uno degli engine della Enterbrain, in questo caso RPG MAKER VX. I primi due capitoli erano una sorta di familiarizzazione con l’universo di Overdrive, grazie ai quali era possibile iniziare a prenderci la mano con le diverse meccaniche di gioco e conoscere i personaggi e la trama. La trama è molto semplice ma per nulla banale: Il gioco riprende un gruppo di amici capitanati dalla “indiscussa protagonista” Monica che finiscono in un mondo a loro totalmente sconosciuto e devono, riuscire a capire come ci sono finiti e, soprattutto, se è possibile ritornare indietro. Dopo una breve introduzione ci ritroviamo nel cuore di un bosco all’interno del quale facciamo la conoscenza di Monica e del suo primo compagno di avventura Francesco, che comprendiamo essere il suo fidanzato, anche lui catapultato in questo strano mondo. Senza spoilerare null’altro sulla trama, diremo solo che una volta completato l’esauriente tutorial, inizierà un viaggio che ci terrà incollati per molto tempo allo schermo. La longevità di questo titolo infatti è molto elevata, si attesta tra le 30 e le 40 ore di gioco, alle quali vanno aggiunte le eventuali missioni secondarie che potremo affrontare. Inoltre faremo la conoscenza di ben 14 personaggi che potremo sfruttare nella nostra avventura e avremo la possibilità di parlare e interagire con quasi qualunque NPCs nelle varie ambientazioni. Come se non bastasse, Holy ha implementato una funzionalità online che ci consentirà di registrare i nostri progressi e condividere le nostre esperienze di gioco con altri giocatori di Overdrive (oltre ad essere sempre aggiornati su eventuali nuove versioni o espansioni del gioco).

Overdrive

Continua a leggere »

Segui e partecipa alla discussione!

dic 13

Il Title del gioco, tutto rigorosamente animato.

Il Title del gioco, tutto rigorosamente animato.

Non è il caso che mi ha portato a scandagliare questo gioco per stilare questa mia prima recensione, bensì un interessamento verso l’xp che sta nascendo da poco in me che con questo tool non ho mai prodotto qualcosa che durasse più di un minuto.
Il gioco in questione è il promettente Two Roses: ArcA, progetto del prode nihil-omen che si pone l’obiettivo di instillare il terrore a Londra con un survival horror che proprio così non è, ma andiamo ad esaminarlo per aree tematiche.

Ricordi la pioggia?
[La trama]

La pioggia è un elemento onnipresente in questo titolo, entità naturale che accompagna tutte le azioni dei protagonisti fin dai primissimi secondi di video.
Oltre a fare la sua bella presenza la pioggia contribuisce a ricalcare l’atmosfera pesante e densa del gioco e ad alimentare la caratteristica principale che lo contraddistingue: l’angoscia.
Angoscia, tale “paura di alcunchè”, è quella che si prova fin dai primi momenti ingame, quando i protagonisti (e qui approfittiamo col dire che è possibile, ad inizio gioco scegliere se interpretare Daniel o Chaterine, e la versione testata è stata appunto giocata con quest’ultima) iniziano ad avvertire paura e terrore derivanti da un pericolo ignoto o di gran lunga incomprensibile per quello che realmente si rivelerà.

Continua a leggere »

ott 30

Titolo: Rudra no Hihō (Secret Treasure of Rudras)
Piattaforma: SNES
Software house: Squaresoft
Anno di uscita: 1996

Un tempo i migliori giochi creati con Rpg Maker erano creati con le risorse grafiche dell’intramontabile Seiken Densetsu 3 (intramontabile perchè comunque c’è sempre qualcuno che lo sfrutta, qui e all’estero). Negli ultimi anni però molti makeratori si sono accorti di una nuova ottima fonte di risorse grafiche: Rudra no Hihō. Un classico JRPG Squaresoft per SNES uscito solamente in Giappone, con un grafica similissima a quella di Final Fantasy 6. Eppure, molti lo conoscono solamente per la grafica, senza sapere quello che c’è dietro quei personaggi e quei luoghi che sempre più spesso vediamo nei nostri JRPG amatoriali. Perciò, diamo un’occhiata più profonda a questo piccolo capolavoro, sicuramente degno di essere giocato a fondo quanto un Chrono Trigger o un Terranigma…

Continua a leggere »

set 27

Titolo: From the Abyss
Software house: Sonic Powered
Piattaforma: Nintendo DS
Anno di uscita: 2008

Quando si intende giudicare obbiettivamente qualcosa è bene preferire la qualità alla quantità. Eppure, ben conoscendo questa regola, mi è stato impossibile trattenere una smorfia di dissenso nel vedere come From the Abyss pesasse “solo” 10 MB, la dimensione standard di un gioco per GBA.
E’ sbagliato pensarla in termini quantitativi, ma… m’avventurai comunque nell’esplorazione di questo nuovo rpg con un filo di sfiducia, e nel contempo con la speranza di sbagliarmi.

Continua a leggere »

ago 25

Tales of Banalia. Cosa si nasconde dietro a questo nome così… banale? Andiamo a scoprirlo insieme…
Prima di iniziare, qualche informazione di ordine generale: ToB è un gioco amatoriale completo creato con il tool di Rpg Maker 2003, da nientepopodimeno che Lollo Rocket Diver, considerato uno dei migliori makeratori italiani grazie al suo altro Gioco Completo, il multipremiato “Fifth Era”.
Le premesse ci sono: Tales of Banalia è un gioco completo che, a giudicare dal nome, ci farà ridere molto grazie alle varie situazioni e ai personaggi che incontreremo nel gioco. Ma che cosa troveremo in realtà una volta cliccato su “Tales of Banalia.exe”?

I cattivi tramano...

I cattivi tramano…

Continua a leggere »

mag 10

Titolo: Yume Nikki
Autore: Kikiyama
Tool utilizzato: Rpg Maker 2003
Anno di uscita: 2004
Lingua: inglese
Sito del gioco
DOWNLOAD

Image Hosted by ImageShack.us

Una stanza. Una bambina che non vuole uscirne.
Possibile creare un gioco con soli questi due elementi?
Possibilissimo, sì. Perchè, anche se Madotsuki si rifiuta fermamente di uscire dalla sua cameretta, quando dorme la situazione si capovolge. Nei suoi sogni, quella porta che non vuole aprire diventa invece un passaggio verso nuovi, spaventosi mondi.

Continua a leggere »

mag 2

Solo per voi ci siamo procurati e abbiamo provato una versione in semi-inglese dell’ultimissimo tool Enterbrain, Action Game Maker, che vi permetterà di costruire Action RPG, platform e sparatutto!
Con semi-inglese intendiamo che in giro si trova già una versione che traduce la maggior parte dei comandi (anche se non tutti purtroppo)… ciò che troverete più avanti è tutto quello che siamo riusciti a provare!

Questa sarà la pagina che vi ritroverete davanti, una volta installato e registrato correttamente il tool. Non è altro che il sito giapponese dell’enterbrain messo su tool, quindi qualcosa di cui si può tranquillamente fare a meno.

Continua a leggere »

apr 18

Titolo: Memento Vivere – A Reminder to Live
Autore: Rye
Tool utilizzato: Rpg Maker XP
Anno di uscita: 2008
Lingua: Inglese

DOWNLOAD


Grafica poco vista in giro e buona atmosfera vi accompagneranno
fin dall’inizio in Memento Vivere.

C’è chi, nel creare un gioco, si concentra nel creare qualcosa di originale a tutti i costi, rischiando anche di finire nell’assurdo. E c’è anche chi, al contrario, si accontenta di fare un gioco forse non originalissimo, ma fatto bene. E’ questo il caso di Memento Vivere, progetto che, sotto il profilo del gameplay, pare la classicità fatta videogame. Il menù è quello di Chrono Trigger, il sistema di combattimento quello di Lufia. Merita di essere citata la world map davvero ben fatta, ma… per il resto, sotto il profilo della programmazione, non c’è assolutamente nulla di particolarmente interessante.
E poco importa. Questo piccolo difetto viene infatti totalmente dimenticato, una volta capito qual’è il vero cuore del gioco: la trama.
La protagonista è Spade, ragazza che lavora al servizio dei Giudici ed ha ricevuto un importante incarico: scortare un importante prete nel suo pellegrinaggio.

Continua a leggere »

mar 22

Questa nuova rubrica, “History of RPG” è nata in seguito a delle osservazioni fatte da alcuni utenti nel forum: sembra quasi infatti che, a causa dei nuovi giochi next-gen (in particolare degli rpg), si siano persi di vista gli elementi fondamenti per la creazione di un gioco di ruolo con rpgmaker. Attenzione, non è una critica agli ultimi giochi usciti, che possono piacere o non: mi sembra chiaro che con la grafica e la potenza delle ultime console uscite, gli sviluppatori dei singoli giochi abbiano deciso di dedicarsi più a certi fattori che ad altri. E nella creazione di un rpg con le versioni attuali di Rpg Maker, è una cosa che non ci si può permettere così facilmente. Perciò facciamo un viaggio nel passato, alla scoperta dei più famosi JRPG che hanno fatto la storia, e che hanno ispirato pure i più famosi giochi (italiani e non) che il making amatoriale finora ci ha regalato.
Spero che queste recensioni di giochi vecchi possano invogliare qualcuno a procurarseli, almeno su emulatore. Se non sapete niente sull’argomento emulazione, consiglio di iniziare a scaricarvi l’emulatore “ZSNESW” da www.zsnes.com . Poi per trovare le singole roms (così si chiamano i giochi da caricare sull’emulatore) vi basta fare qualche semplice ricerca su Google (del tipo “Nome-Gioco roms download”.

Iniziamo dalle basi: Seiken Densetsu 3

Titolo: Seiken Densetsu 3
Software house: Squaresoft
Piattaforma: SNES
Anno di uscita: 1995

Seiken Densetsu 3 uscì nel settembre del 1995, solamente in Giappone. Il nome così probabilmente non vi dirà molto.. in realtà non è altro che il terzo capitolo della famosa (almeno oltreoceano, qui un po’ meno) saga di “Mana”, che ebbe le sue origini con il primo Game Boy.
Questo gioco purtroppo non ebbe la fortuna di arrivare nè qui nè in America, perchè Squaresoft preferì dare più importanza ad un altro gioco, Secret of Evermore, molto simile graficamente e di gameplay ad un altro classico: Secret of Mana (nonchè Seiken Densetsu 2). La cosa personalmente mi aveva fatto parecchio dispiacere, ma per fortuna qualche anno dopo è stata rilasciata la prima patch di traduzione in inglese, ed è stato possibile godersi il gioco almeno su emulatore.

Ma lasciamo stare i cenni storici, e cominciamo la recensione vera e propria: cosa aveva di così spettacolare Seiken Densetsu 3? Prima di iniziare a parlarne, vi mostro solamente qualche screen abbastanza eloquente:

Ok, se non avevate mai sentito parlare di questo gioco, e se avete provato i giochi più “classici” del making amatoriale italiano (e non), sicuramente avrete capito da dove provengono le loro risorse grafiche.

Continua a leggere »

« Post precedenti